“Sono quanto più contrario si possa essere sulla possibilità di contrassegnare i caschi degli agenti impegnati nelle manifestazioni con il numero di matricola. Che facciamo, vogliamo fargli bussare a casa?”. Così il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, illustrando il Rapporto 2013 sull’attività del Viminale a Roma. “Contraddice tutte le regole che presiedono alla sicurezza del Paese e dei singoli agenti, che facciamo gli facciamo bussare a casa? Si tratta di persone che – continua – rischiano con stipendi non alti per tutelare la libertà e la sicurezza dei cittadini – ha aggiunto – E’ bene che siano protette anche la loro libertà e sicurezza”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La vignetta del giorno: Tagli

next
Articolo Successivo

Affitti Camera, cancellata in soli sei giorni la norma che tagliava i costi

next