Per la chiusura della sua campagna elettorale Matteo Renzi partecipa a due incontri in Piemonte, mentre in serata è atteso a Milano. A Torino il sindaco di Firenze prende la parola nella stessa sala dove Walter Veltroni lanciò il Pd. “Non è detto che porti bene”, dice un militante nascondendosi dietro la scaramanzia. Renzi parla per oltre un’ora, commentando anche la scelta – annunciata questa mattina – di Romani Prodi che ha dichiarato che andrà a votare per scegliere il nuovo segretario del Pd. L’ex presidente del Consiglio a inizio novembre, invece, aveva detto che non si sarebbe recato ai gazebo. “E’ una buona notizia: in più si va a votare meglio è, ma – commenta il sindaco fiorentino – la scelta di Prodi ha un valore politico”. Intervistato da Mario Calabresi, direttore de La Stampa, Renzi dice che considererebbe un buon risultato se andassero a votare oltre 1,5 milioni di persone: “Certo tutto quello oltre un milione è già un successo, siamo gli unici in Europa ad avere una così alta partecipazione”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale: il proporzionale e le preferenze non sono il male assoluto

prev
Articolo Successivo

Grillo: ‘Segnalate articoli ostili’. Boldrini: ‘Versione 2.0 dei pestaggi di un tempo’

next