Il consiglio comunale di Vittuone, paese di poco meno di 10 mila anime a qualche chilometro a Nord di Milano, ha deliberato di intitolare una piazza a Don Andrea Gallo, il prete “degli ultimi” come amava definirsi, morto nella sua città Genova il 22 maggio scorso. Si tratta del primo centro italiano a prendere una decisione del genere. Ancor prima di una grande città, come la stessa Genova, che dovrebbe celebrare il suo illustre cittadino con un’intitolazione simile, ma che ancora deve venire. Nel frattempo, però, a Vittuone è polemica. Il centrodestra, che dopo 23 anni di governo, con le ultime elezioni comunali si trova all’opposizione, ha tuonato: “Don Gallo non è un esempio edificante. Sosteneva l’ateismo militante quale fede politica e tra una preghiera e un comizio pubblicava anche un libro con il brigatista rosso Renato Curcio”. Preferirebbero, invece, intitolare la piazza a Don Verzé, il fondatore del San Raffaele, o al parroco locale Don Enzo Caletti. La giunta che ha preso la decisione però non arretra di un millimetro e conferma: “Questa piazza porterà il nome di un grande uomo”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai: 700mila euro a Comunione e liberazione per esclusiva su Meeting Rimini

next
Articolo Successivo

Pd, Prodi non rinnova la tessera e non voterà alle primarie: “Sono coerente”

next