Ha annunciato sul diario del suo profilo Facebook di volersi togliere la vita, pubblicando due foto in successione, raffiguranti una scatola di farmaci dapprima piena e poi svuotata. L’uomo, residente nel bolognese, è stato soccorso tempestivamente grazie alle indagini avviate dalla polizia postale di Bologna, dopo la segnalazione arrivata da una email di un cittadino della provincia di Frosinone.

I poliziotti della sezione ‘Social Network’ della polizia postale e delle comunicazioni, specializzata nell’affrontare emergenze sul web, hanno controllato tutti gli account ritenuti attribuibili all’utente, verificando le informazioni del profilo e valutando l’attendibilità dell’intenzione manifestata. Gli agenti sono riusciti a individuare sia l’utilizzatore del profilo che un suo parente stretto, nonché la dislocazione geografica dell’abitazione del giovane. A quel punto è stato richiesto ausilio ai carabinieri territorialmente competenti che sono intervenuti insieme a personale del 118.

L’utente facebook è stato trovato in casa, riverso sul letto privo di conoscenza. L’uomo, che aveva alcuni problemi sentimentali ai quali si sommavano precedenti problemi di natura economica, è stato condotto all’Ospedale Maggiore del capoluogo emiliano per le cure.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai: 700mila euro a Comunione e liberazione per esclusiva su Meeting Rimini

prev
Articolo Successivo

Bellocchio, Placido, Rubini: tris d’assi del cinema al Teatro Duse con ‘Zio Vanja’

next