A mettere, forse, la parola fine all’increscioso episodio avvenuto durante ‘La vita in diretta‘, il contenitore pomeridiano di Rai1, è direttamente la presidente della tv di Stato Annamaria Tarantola che – come risulta a ilfattoquotidiano.it – con una lunga a e accorata telefonata, ha voluto porgere le sue personali scuse a Lucrezia Povia ed Ernesto Tresoldi, i genitori di Max, l’uomo che nel 2001 si è risvegliato dopo dieci anni di stato vegetativo. Tutto nasce da un intervento di Alda D’Eusanio, ospite in studio e reduce anche lei da uno stato di coma, che pronuncia parole critiche e discutibili sulla terapia riabilitativa che i genitori di Max stanno portando avanti con enormi sacrifici e sforzi economici per consentire al figlio una vita dignitosa, così come racconta un servizio di Carmen Di Stasio. “Rivolgo un appello pubblico a mia madre – spiega la D’Eusanio al termine del contributo video -. Se dovesse accadermi quello che è accaduto a Max, ti prego non fare come sua mamma. Quella non è vita“. Parole accolte dallo studio e, in particolare, dal conduttore Franco Di Mare con imbarazzo e disappunto. Ma la D’Eusanio, ormai senza più freni, ribadisce: “Scusate, dirò una cosa controproducente, ma tornare in vita senza poter più essere libero, indipendente, soffrire, avere quello sguardo vuoto… No, mi dispiace. Quando Dio chiama, l’uomo deve andare”. Non è bastata, tuttavia, la solidarietà espressa dai conduttori Di Mare e Paola Perego ai genitori di Max che, al termine della trasmissione, riescono solo a replicare: “Non abbiamo portato in vita nostro figlio: è sempre stato in vita. E la sua vita è bella così com’è“. Le dichiarazioni della D’Eusanio sono suonate alle orecchie dei due genitori come una lama affilata. “Noi siamo un esempio per tutti i genitori che vivono una situazione simile alla nostra – ha spiegato a ilfattoquotidiano.it Lucrezia Povia – “e mai ci saremmo aspettati che un programma del servizio pubblico potesse umiliarci in questo modo. Cosa è diventata la Rai? A che titolo ha parlato quella signora?”. E aggiunge: “Oltre al danno, anche la beffa. Dei venti minuti promessi, dieci sono stati dedicati a esperienze parasensoriali di presunte visioni del paradiso e di viaggi ai confini della vita. A noi, invece, sono rimaste le briciole”. Un trattamento che la Rai ha valutato non corretto, tanto che la mamma di Max – che continua a non darsi pace – domani verrà ospitata in una puntata “riparatrice” de ‘La vita in diretta’, durante la quale avrà la possibilità di esprimere tutto il suo disappunto. A rincuorare Lucrezia ed Ernesto probabilmente sarà la stessa Tarantola, che dopo le scuse telefoniche, potrebbe intervenire in puntata. Già stabilito il parterre: oltre alla signora Lucrezia, interverranno Lucia Bellaspiga (giornalista di Avvenire) e Matilde Leonardi (responsabile della Struttura di Neurologia del Besta di Milano)  di Patrizia De Rubertis e Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reato di depistaggio, finalmente inizia la discussione in Parlamento

prev
Articolo Successivo

Camorra, Antonio Schiavone scarcerato dal Tribunale del Riesame

next