Ci sono dei tumori provocati dal diavolo e da problematiche spirituali. Esistono dei casi che posso dimostrare senza spiegare, nel senso che sono indimostrabili ma ci sono”. Sono le parole di Don Ermes Macchioni, esorcista e parroco di San Michele dei Mucchietti di Sassuolo, ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24. “Ci sono delle problematiche di tipo spirituale che possono essere guarite solo dall’esorcista” – continua – “e non dallo psicologo o dallo psichiatra, perché il demonio non è una malattia. Da vent’anni faccio circa due esorcismi al giorno, quotidianamente 24 ore su 24 vengo bombardato da chiamate di persone possedute dal demonio”. E aggiunge: “Coi posseduti non ho mai corso alcun pericolo perché sono protetto dalla Madonna. Solo una volta ricevetti un pugno sul naso da una fanciulla di 12 anni indemoniata”. Il sacerdote si esprime anche sulla festa di Halloween, di cui è uno strenuo detrattore: “Non ce l’ho con la festa in sé, ma è un problema di coerenza per i cristiani battezzati che festeggiano questa festa pagana, creata in origine per rendere onore al “grande cornuto”. E il grande cornuto è il diavolo”. E spiega: “Tutte le feste pagane sono, in realtà, orientate al diavolo. Poi la festa di Halloween è stata americanizzata, commercializzata ed addolcita, però è così. I bambini, in realtà, dovrebbero festeggiare il 31 ottobre andando in parrocchia vestiti di bianco, per adorare i Santi. Perché i bambini dovrebbero vestirsi di nero quel giorno? Non è assolutamente la “festa della zucca”” – prosegue – “il 31 è anche la festa della wicca, delle streghe. Io come educatore e prete me la prendo coi cristiani che dicono di essere di Gesù Cristo e poi adorano il cornutodi Gisella Ruccia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disneyland Paris, gravissimo un bambino di 5 anni per incidente su un’attrazione

next
Articolo Successivo

Sicilia, consigliere regionale ottiene l’auto blu. Da 5 Stelle la rifiutò

next