“Ci sarà presto una rivoluzione che cambierà radicalmente il modo in cui i media tratteranno le notizie riguardo i governi e le grandi istituzioni”. È Glenn Greenwald, il giornalista del Datagate, a mettere in guardia sul futuro del giornalismo in un’intervista rilasciata a Newsweek. Un cambiamento che sembrerebbe già in atto da qualche anno con la nascita dei whistleblowers. E inevitabile, considerata la pervasività dei contenuti digitali e l’accesso immediato ad una grande mole di informazioni. “La sorveglianza – secondo Greenwald – distruggerà il giornalismo perché permetterà ai governi di controllare le segnalazioni che verranno fatte. E ciò è il contrario di quanto previsto da una sana democrazia”. Afferma Greenwald.

Molti lo considerano un traditore o una spia quantoManning o Snowden. Gli americani per primi. Ma Greenwald, a testa alta, porta avanti il suo nuovo progetto: creare una startup di news globali che sarà finanziata da Pierre Omidyar – il miliardario fondatore di eBay – insieme a Laura Poitras e Jeremy Scahill, alcuni dei più importanti giornalisti investigativi del mondo. Omidyar, da sostenitore del giornalismo come di un veicolo per una migliore democrazia, è già fondatore del Civil Beat Law Center . Un’organizzazione che aiuta le persone ad accedere alle informazioni dei governi. Aperta a tutti, anche ai giornalisti provenienti da altri organi di informazione. L’intento è quello di avere governi più trasparenti. Il fondatore di Ebay identificò un problema: le agenzie spesso rifiutano le richieste di report, documenti, e altre informazioni che dovrebbero essere facilmente reperibili. E risolse il problema. Creando qualcosa di proprio. Appunto il Civil Beat Law. Che rispecchia l’idea che oggi vuole realizzare insieme a Greenwald, Poitas e Scahill. Tutti gridano al cambiamento. Tutti cercano un nuovo modo innovativo di fare giornalismo. Che faccia i dovuti controlli tipici del mestiere. Ma che non dipenda dalla sponsorizzazione dello Stato. Che non obbedisca agli ordini dei governi. Che sia libero.

 Mentre la realizzazione del progetto è in corso, Greenwald continua a riportare i documenti di Snowden. Negli ultimi giorni ha rilasciato alcune dichiarazioni all’Espresso: “La National Security Agency porta avanti molte attività spionistiche anche sui governi europei, incluso quello italiano”. Anche i nostri 007 e l’intelligence britannica, secondo il giornalista, hanno avuto un ruolo nella raccolta dei dati. Così i file della talpa del Datagate Edward Snowden creano un caso diplomatico che non ha eguali nella storia. Si manifesta una forte spaccatura tra Usa e Germania quando la Merkel scopre che anche il suo cellulare è sotto controllo. Dal 2002. Notizia che segue quella delle settanta milioni di telefonate francesi sorvegliate dall’Nsa soltanto nell’arco di un mese. Poi l’ultima: nel 2010 gli Stati Uniti possedevano circa 80 centri di spionaggio in Europa, comuni a Cia e Nsa, di cui uno a Roma. Lo scrive Der Spiegel online.

 Lo spionaggio è quindi globale. Nessuno è escluso. L’Nsa si dimostra un intelligence fragile. Poco credibile. Capace di farsi “scoprire”. Forse perché Snowden non è l’unica talpa. Potrebbe avere dei complici. Il Nobel per la Pace, Obama, con la solita giustificazione della lotta al terrorismo, si crea nemici. E nel mondo cresce la voglia di rappresaglie. Come dimostrato sabato – nell’anniversario del Patriot Act – quando centinaia di persone hanno marciato al National Mall di Washington DC, per protestare contro le operazioni segrete di sorveglianza dell’Nsa. StopWatching.us  è il nome della coalizione che si è formata da oltre cento organizzazioni per far luce sui programmi utilizzati dalle intelligence. E il nostro Paese quando si coalizzerà? Permetterà ai programmi di sorveglianza di distruggere la nostra privacy?

Seguimi su twitter, @LudovicaAmici

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Radio Rai, via il programma di Bertallot. E il dj trasmette da casa con il fundraising

next
Articolo Successivo

Corrado Formigli vince in appello nella causa Fiat: “Reportage non diffamatorio”

next