Raffaele Pennacchio, 55 anni, era una delle anime del direttivo del ‘Comitato 16 novembre onlus’, l’ultima sua battaglia è stato il presidio a Roma del 22 ottobre  sotto il ministero dell’Economia. Chiedeva, come tanti, sostegno, maggiori fondi per l’assistenza domiciliare dei malati gravi e gravissimi, il nomenclatore tariffario aggiornato (l’elenco di ausili e protesi per disabili). Poi l’incontro con il governo rappresentato dal viceministro del Lavoro e delle politiche sociali Maria Cecilia Guerra, dal sottosegretario all’Economia e alle Finanze Pier Paolo Baretta e dal Sottosegretario alla Salute Paolo Fadda, Raffaele continuava a dire, “fate presto, noi non abbiamo più tempo”. Ieri sera al rientro in albergo una complicazione polmonare lo ha portato via. Eccolo in una delle ultime interviste a ilfattoquotidiano.it   di Annalisa Ausilio

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione, Parlamento Ue chiede la modifica della legge Bossi-Fini

next
Articolo Successivo

Morte Pennacchio, Lamanna: “Colpa dei politici. L’avranno sulla coscienza”

next