“Mi cercarono l’anima, Storia di Stefano Cucchi” è il titolo del libro, scritto da Duccio Facchini ed edito da Altreconomia. Il testo ripercorre la vicenda del geometra romano che quattro anni fa morì dopo aver subito un pestaggio da agenti di pubblica sicurezza a seguito del suo arresto. “Questo libro nasce dal desiderio di ricostruire la verità sulla sua vicenda – spiega l’autore nella presentazione a Roma – Una verità che che da un punto di vista giudiziario è ancora negata”. Il libro affronta anche le ingiurie gratuite sul conto di Cucchi: ” C’è una parte del libro – conclude Facchini – che denuncia proprio questo meccanismo di criminalizzazione della vittima”. Alla presentazione c’era anche la sorella di Stefano, Ilaria, che ha invitato ad una presa di consapevolezza sul tema: “Dopo quello che ci è successo capisco la realtà carceraria, terribile, ingiusta e degradante per l’essere umano, una condizione così grave che deve necessariamente riguardare ciascuno di noi”  di Nello Trocchia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragazzo italiano ucciso nel Kent, è mistero sul movente: “Non è razzismo”

next
Articolo Successivo

Vaticano, Papa Francesco esilia il “vescovo spendaccione” di Limburg

next