La stretta connessione esistente in Italia fra banche e imprese “compromette la possibilità di sviluppo del Paese, aumenta l’opacità del sistema e allontana gli investitori, soprattutto quelli provenienti dall’estero”. E’ l’appello del presidente della Consob, Giuseppe Vegas, intervenuto in audizione alla Camera. “In molti casi il credito risulta orientato a favorire impieghi non efficienti ma finalizzati esclusivamente a contenere possibili perdite”, ha spiegato, e a “finanziare imprese in cui le banche hanno partecipazioni azionarie”.

Il numero uno dell’Authority ha poi avvertito che la Tobin tax, la tassa sulle transazioni finanziarie, rischia di scoraggiare gli investimenti. “Al momento non risultano disponibili verifiche empiriche attendibili circa il suo impatto sui volumi di negoziazione”, ha precisato, ma “verifiche fatte all’estero dimostrano come ci sia un certo influsso, che tende a scoraggiare l’investimento nei Paesi dove questo tipo di imposta si applica se non si applica contemporaneamente nelle altre Nazioni”.

Vegas ha infine affrontato il tema dei Mini bond (la misura contenuta nel decreto sviluppo per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese in alternativa al canale bancario), affermando che “in attesa di valutare la reale efficacia di questo intervento, quando i dati saranno disponibili, alcuni studi recenti stimano che questo tipo di emissioni potrebbe raggiungere i 20-30 miliardi di euro e interessare una platea di circa 4mila aziende”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wall Street, giro di vite sulle banche. Multa da 6 miliardi per Bank of America

prev
Articolo Successivo

Il Fatto Quotidiano si occupa delle Coop rosse. E Unipol toglie la pubblicità

next