Alitalia non può attendere e così ha fatto girare il cappello tra i soci senza aspettare la scadenza del 14 novembre per la sottoscrizione dell’aumento di capitale tampone della compagnia da 300 milioni di euro. E così ha raccolto 130 milioni di euro. A farsi avanti sono stati Intesa Sanpaolo  con circa 26 milioni di euro contro i 39,3 che la banca dovrebbe versare in caso di sottoscrizione integrale della sua quota di ricapitalizzazione.

Stessa somma per l’Atlantia dei Benetton  che complessivamente dovrebbe apportare alle esangui casse della compagnia poco più di 37 milioni, mentre la Immsi di Roberto Colaninno ha messo sul piatto 13 dei 30 milioni dovuti. Ulteriori 65 milioni sono stati versati da Intesa SanPaolo e Unicredit a valere sulla loro garanzia di 100 milioni di euro. Alitalia conferma inoltre di aver ricevuto da Poste Italiane la lettera di garanzia subordinata all’approvazione dei propri organi deliberanti, per 75 milioni di euro a copertura dell’eventuale inoptato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge di stabilità, aumento Irpef a Roma e indennizzi alle aziende della Tav

next
Articolo Successivo

Eurostat: “Deficit Italia confermato al 3%”. Solo debito greco è più alto tra Paesi Ue

next