A Bologna e provincia 37 case del popolo sono state aperte in contemporanea per una lunga “Notte rossa” assieme ai militanti e soprattutto a tanti nostalgici. Tra i presenti soprattutto i pensionati e attivisti di lunga data. La piega che sta prendendo il Partito democratico non convince: “Il fenomeno Renzi non va molto a braccetto con questa storia qui”, spiega uno dei tanti accorsi per passare la serata assieme ai compagni di una vita. “Se casa del popolo significa casa del populismo allora non mi va bene, dice un altro. Non vorrei che con le tante anime del Pd qualcuno si offendesse solo a sentire parlare di casa del popolo”. È tuttavia la nostalgia a fare da padrona, anche tra i più giovani che sognano un tempo di cui hanno solo sentito parlare dai vecchi: “Per me questo popolo è come una seconda casa, ma il partito che c’è dietro non è più quello di una volta. Renzi? Anche no”  di David Marceddu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reato di clandestinità, è giusto abolirlo? Il vox e il sondaggio di Ricca

prev
Articolo Successivo

Costituzione, il giorno dopo

next