Non si capisce a che titolo il Presidente della Repubblica attacchi il partito più votato alle ultime elezioni in Italia, e cioè il Movimento 5 stelle, che è il principale se non l’unico partito di opposizione”. Così Marco Travaglio esordisce nel suo commento alla “sfuriata” di Giorgio Napolitano contro il M5S, a seguito del suo messaggio sulle carceri e sulla necessità dell’amnistia. Intervenuto all’edizione serale del TgLa7, il vicedirettore de “Il Fatto Quotidiano” sottolinea: “La stessa cosa fu fatta da Cossiga e infatti il Pds, il partito di Napolitano, chiese per lui l’impeachment. Figuriamoci cosa sarebbe successo se Napolitano avesse detto qualcosa del genere o anche di meno duro nei confronti del Pdl”. E aggiunge: “Napolitano dovrebbe rassegnarsi, non è il Re Sole, ma è il presidente di una repubblica parlamentare, dove c’è il diritto e a volte anche il dovere del dissenso”. Travaglio spiega come non sia assolutamente vero che l’amnistia e l’indulto, invocati dal Capo dello Stato, non siano applicabili a Berlusconi: “L’indulto di 3 anni, come quello proposto da Napolitano, è uguale all’indulto del 2006 che era esteso a tutti i reati per i quali Berlusconi è stato condannato ed è attualmente imputato, dalla frode fiscale alla prostituzione minorile alla concussione alla falsa testimonianza alla corruzione e alla corruzione giudiziaria”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tangenti sanità lombarda, Regione parte civile contro ex assessore Guarischi

prev
Articolo Successivo

Carceri, l’emergenza ha la memoria corta

next