Soluzione in alto mare per gli stabilimenti dell’Acciaio Ilva. Alle ore 21, dopo un confronto a Roma durato un’ora e mezza con il ministro per lo Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, il Presidente dell’Ilva Bruno Ferrante lascia il ministero dello Sviluppo Economico e ai cronisti  dichiara: “Abbiamo ribadito l’intenzione della proprietà di impugnare il provvedimento di sequestro che non riteniamo legittimo, in quanto il provvedimento colpisce società che non sono per nulla interessate alle vicenda di Ilva e dello stabilimento di Taranto”. Per Ferrante tutti i beni sono sottoposti a sequestro “L’autorità giudiziaria ha bloccato i conti ed eravamo nell’impossibilità di comprare anche la benzina per far funzionare i mezzi”. “Alla proprietà abbiamo chiesto di incontrare il custode per far in modo che il sequestro non blocchi l’attività produttiva” afferma il ministro Zanonato che aggiunge: “Ipotesi commissariamento? Solo se non va in porto questa soluzione e sui lavoratori . I lavoratori non percepisce gli stipendi? L’azienda chiederà gli ammortizzatori sociali e noi vedremo di favorire questa ipotesi”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decadenza Berlusconi, Augello: “Sta riflettendo se dimettersi e sulla fiducia”

prev
Articolo Successivo

Camera, M5S: Alessio Villarosa è il nuovo capogruppo dopo Nuti e Lombardi

next