Fernando Lazzaro, patron della Italcoge di Susa, azienda che ha lavorato alla costruzione del tunnel dell’Alta velocità, ieri sera era ospite del format condotto da Nicola Porro proprio per parlare del clima intimidatorio che gli imprenditori coinvolti nei lavori respirano in Valle. Poche ore dopo il suo intervento su Rai Due, ignoti si sono introdotti nella sua azienda per dare alle fiamme contanier e una pala meccanica. Gli investigatori hanno poi ritrovato bossoli di lacrimogeni davanti agli uffici della ditta e sono comparse scritte NoTav sui muri. Secondo il senatore Pd Stefano Esposito, fervente sostenitore del tunnel, il motivo per il quale è stata colpita l’azienda di Lazzaro è proprio la sua ospitata televisiva: “E’ la più classica delle ritorsioni, in perfetto stile mafioso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, atto vandalico contro una delle ditte della Torino-Lione: fiamme a un cassone

prev
Articolo Successivo

Tav, parla l’imprenditore colpito: “E’ il quinto incendio che subiamo”

next