La legalità ha già perso. Questa sconfitta non dipende dall’esito del voto nella giunta, perché quella è diventata una partita strettamente politica. E non mi riferisco nemmeno al merito della sentenza Mediaset, cosa da cui tutti si tengono alla larga, riempendo l’informazione di Esposito, Augello e Strasburgo ma non spiegando come sarebbe stato frodato il fisco per creare fondi neri (non si vuole conoscenza per poter manipolare il tifo, che parte dalla pancia e non passa dalla testa). 

La legalità ha perso perché una decisione definitiva della magistratura è disconosciuta da una parte del potere politico e dei cittadini, che quindi per questo cercano strumenti per neutralizzarla ritenendo che sia frutto di persecuzione. Poco importa a questo punto se l’operazione di elusione della decisione della Cassazione riuscirà e fino a che punto.  Se fosse riconosciuta legittimazione a quella decisione, le conseguenze pratiche (etiche e politiche) supererebbero di gran lunga le sanzioni formali previste dalla c.d. legge Severino.

Il diritto sono solo parole se queste non vengono rispettate o se non viene rispettata la decisione dei tribunali che vigilano sulla loro applicazione… le regole restano solo parole senza comportamenti e adesione consapevole e culturale. Quando i comportamenti si discostano dalle regole parliamo di illegalità: è già grave e sappiamo quanto questa sia diffusa, in ogni ambito della vita di questo paese.

Ma quando non solo i comportamenti contraddicono la norma, ma una parte dell’opinione li approva o per altro verso rifiuta la sanzione che l’ordinamento prevede per essi, non è più illegalità. Siamo oltre. Stiamo già osservando gli ultimi esiziali sospiri del simulacro di un ordinamento democratico che ormai è svuotato, delegittimato, solo formale.

Le vicende di questi giorni non sono tante decisive solo per il loro protagonista, ma per le prospettive della legalità e delle istituzioni in Italia, oggi vissute da molti come fastidioso e illegittimo ostacolo al pieno dispiegarsi del potere della massa per mezzo dei suoi leader (o meglio viceversa, potere del leader per mezzo della massa).

“In Italia per essere sovversivi è sufficiente chiedere che leggi dello Stato vengano applicate” (Ennio Flaiano)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Ravenna, cartello choc del Pdl: “La giustizia è più stuprata delle donne”

next
Articolo Successivo

Matrimoni gay, il cardinale Caffarra: “Sono la devastazione del tessuto sociale umano”

next