“Non siamo all’uscita dal tunnel per Mirafiori. Qui stanno spegnendo giorno per giorno la possibilità di dare un futuro a Mirafiori”. Questo il commento di Marurizio Landini, segretario generale Fiom-Cgil, all’annuncio fatto ieri dalla Fiat di un investimento di un miliardo di euro per lo stabilimento torinese. Landini si dice favorevole agli investimenti, ma sottolinea come negli ultimi tre anni siano state tante le promesse del Lingotto: “A oggi a Mirafiori c’è solo la cassa integrazione”. Secondo il sindalista gli annunci di Marchionne prevedevano 20 miliardi di euro d’investimento su tutta Italia: “Abbiamo Cassino, Melfi e Termini Imerese con futuro incerto e anche a Pomigliano metà degli addetti sono ancora in cassa integrazione”. Landini poi sottolinea che degli accordi di tre anni fa, l’unica cosa rimasta sono i contratti che la Fiom non ha sottoscritto e sui quali si è espressa la Corte Costituzionale e di Cassazione. “L’allergia di Berlusconi alla Costituzione – chiosa Landini –  è la stessa che sta colpendo la Fiat. L’azienda non permette alla Fiom di svolgere la sua attività sindacale come stabilito dalle sentenze”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caporalato, sfruttamento e sommerso tra le vigne dell’Oltrepo pavese

prev
Articolo Successivo

Sindacati e Fiat, Angeletti alza il tiro contro la Fiom: “Landini mosso da obiettivi politici”

next