Dopo gli interventi di Adriano Celentano contro le Grandi Navi a Venezia (la canzone, l’appello sul Fatto Quotidiano), l’attenzione dei media su quei mostri che attraversano la laguna centinaia di volte all’anno, che continuano a erodere rive e fondali, a portare inquinamento, a mettere a rischio il patrimonio storico-artistico di Venezia e l’incolumità delle persone, è di fatto cresciuta. Ne parlai su questa testata e sul mio blog personale il 28 maggio 2012, quando ancora sui giornali italiani erano pochissimi ad averlo fatto: c’era stato allora solo un articolo di Salvatore Settis su Repubblica, uno di Tomaso Montanari qui sul Fatto, una lettera di Angelo Marzollo sul settimanale Alias del Manifesto, e poco altro (in Italia, mentre all’estero ben di più).

Ora ne parlano in molti, è vero: persino i politici. Condivido, però, quanto espresso da Tomaso Montanari su questa testata quindici giorni fa: «Perché dunque nessuno, finora, ha fatto nulla? […] Perché […] le Grandi Navi sono perfettamente funzionali alla insostenibile monocultura turistica che ha espulso i veneziani e trasformato Venezia in un luna park. La monocultura che aliena i palazzi pubblici sul Canal Grande, devasta il Lido e ora vorrebbe costruire la Torre di Cardin contro i vincoli sul paesaggio». Una monocultura che – aggiungo io – farà di tutto per lasciare che le Navi Mostro continuino a circolare in Laguna, nonostante l’impegno, da tanti anni, di Italia nostra e del combattivo Comitato No Grandi Navi – Laguna Bene Comune, piccolo Davide contro Golia.

E allora? Allora bisogna insistere, parlare, non demordere. Angelo Marzollo mi ha segnalato un efficacissimo filmato del francese Philippe Apatie: dura un minuto e 13 secondi, è senza parole ma dice tutto. Se fosse proiettato al cinema e in tv, nel chiasso degli spot pubblicitari, basterebbe da solo a sensibilizzare tutti sul problema. Sarebbe dirompente. Facciamolo circolare almeno in rete.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Discarica Ilva Mater Gratiae: la magistratura arresta, il governo autorizza

next
Articolo Successivo

Ancona, SOS archeologia

next