“Accesso alle cure del metodo Stamina“, una ventina di malati neurodegenerativi sono in presidio permanente dal 23 Luglio scorso in piazza Montecitorio. “Lo Stato ci sta uccidendo, non ci danno la possibilità di provare un metodo che dal 2008 ha dato ottimi risultati”. “Mi sento un morto che cammina – dice Sandro Biviano affetto da distrofia muscolare – questi sono omicidi colposi”. La sperimentazione, iniziata il primo agosto, non include la sua malattia, “l’accesso al metodo Stamina è deciso da un giudice, è un’assurdità che un magistrato decida se posso vivere o morire”. La loro speranza è appesa ad un emendamento (poi ritirato) del decreto del Fare che sarà presentato a settembre che permetterebbe l’accesso alle cure. “La politica adesso è in ferie ma le nostre malattie non vanno in vacanza”, dicono. “Se loro devono decidere se dobbiamo vivere o morire – conclude Biviano – io decido di morire qui, in piazza Montecitorio”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canicattì, il Comune chiude per il ponte. Infuriati i cittadini in partenza

next
Articolo Successivo

Verona, su rivista di turismo l’Arena è quella francese di Nimes

next