Polemica in più match tra Andrea Scanzi e il deputato Pdl Mariastella Gelmini, entrambi ospiti di “In Onda Estate”, su La7. Il dibattito è focalizzato sulla sentenza Mediaset che ha condannato Silvio Berlusconi a 4 anni e sulla questione dell’agibilità politica. La discussione è cadenzata dal mantra pronunciato dal deputato Pdl: “Non si può escludere dalla vita politica un leader che alle ultime elezioni ha preso 10 milioni di voti“. E aggiunge: “La legge deve essere uguale per tutti. Non per tutti, tranne che per Berlusconi. Il giudice Antonio Esposito” – continua – “con la sua intervista al Mattino ha contraddetto il contenuto della sentenza che condanna Berlusconi e che assolve Confalonieri, presidente di Mediaset. E’ Esposito stesso che con le sue parole annulla la sentenza“. “E’ una teoria curiosa e bizzarra” – commenta Andrea Scanzi – “Secondo l’on. Gelmini, l’anomalia è la condanna di Berlusconi. Per me invece l’anomalia è Berlusconi in sé“. Il giornalista passa in rassegna le leggi ad personam con le quali il Cavaliere è riuscito ad ottenere l’aministia o la depenalizzazione o la prescrizione dei reati dei quali era accusato. Ma il deputato Pdl insiste: “Non è un paese democratico se 10 milioni di elettori vengono esclusi dal Parlamento. E non è uno Stato di diritto“. Il giornalista replica: “Anche Vito Ciancimino era sindaco di Palermo, poi si scoprì che era mafioso e andò in galera”. Piccata la risposta della parlamentare: “Lei dice cose da querela, non da dibattito politico. Berlusconi non può essere paragonato a Ciancimino“. E ammonisce: “Non sollevi la questione del rapporto stato-mafia, perché il Fatto Quotidiano su quello ha preso una topica pazzesca e ha rischiato di mettere in difficoltà anche il Quirinale“. Poi sentenzia: “E’ chiaro quindi che il Pdl e il Fatto Quotidiano sono proprio su due galassie diverse“. “E meno male”, ribatte Scanzi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intesa Sanpaolo, Guardia di Finanza verifica operazioni anche dal 2008 al 2011

next
Articolo Successivo

I giudici sono venduti. “Allo Stato”

next