Metropolitana made in Italy o quasi per la capitale dell’Arabia Saudita. Ansaldo Sts (gruppo Finmeccanica) si è infatti aggiudicata una commessa da 680 milioni di dollari per la realizzazione della linea più lunga della nuova metro di Riyadh, nell’ambito del consorzio ArRiyadh New Mobility (ANM). Il contratto prevede anche un’opzione, per ulteriori circa 249 milioni di dollari, per i successivi 10 anni di manutenzione.

Il consorzio vincitore di questa tratta, organizzato da Ansaldo, è composto anche dall’italiana Salini- Impregilo – cui spetterà una quota del 33% nella più grande commessa mai assegnata ad aziende italiane nel settore dell’ingegneria civile – Larsen & Toubro, Nesma, per le opere civili, Ansaldo Sts per la parte tecnologica e Bombardier per la fornitura dei veicoli.

Al consorzio vengono affidati lavori per un investimento complessivo pari a circa 6 miliardi di dollari. Il lotto è una parte importante del più ampio progetto di costruzione contemporanea della nuova rete di metropolitane di Riyadh (composta da sei linee di lunghezza complessiva di circa 180 km) del valore complessivo di circa 23 miliardi di dollari e che vede assegnatari, per altri due mega lotti, altri due gruppi globali comprendenti alcune tra le principali imprese del mondo. L’assegnazione dei tre maxicontratti è stata ufficializzata nel corso di una solenne cerimonia svoltasi domenica sera a Riyadh.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Evasione fiscale..quanto ci costa!

next
Articolo Successivo

Della Valle incassa 364 milioni da vendita Saks oltre ad avere risparmiato su Rcs

next