Marco Pantani fece uso di doping durante il Tour de France del 1998″. Quello della doppietta Giro-Tour e dell’impresa sul Galibier, quello della storia. Parola del quotidiano francese Le Monde, che anticipa le rivelazioni che il Senato francese dovrebbe fare domani sui nomi degli atleti che nel corso della Grande Boucle del ’98 avrebbero assunto epo.

Il “Pirata”, però, non sarebbe l’unico grande nome caduto nella rete dell’antidoping a distanza di anni: nell’elenco, ci sarebbero anche il secondo e il terzo della graduatoria di quell’anno, Jan Ullrich e Bobby Julich, che già avevano ammesso l’uso di doping in passato. E anche Erik Zabel, il velocista tedesco che in carriera ha vinto oltre 200 corse, tra cui quattro Milano-Sanremo. Nelle scorse settimane era già saltato fuori il nome di Laurent Jalabert, ultimo grande corridore francese, vero e proprio monumento del ciclismo transalpino. Adesso si attende la conferma ufficiale da parte del Senato francese. Anche se il presidente dell’Uci, Pat McQuaid, ha già fatto sapere che, in ogni caso, il Tour de France del ’98 non dovrebbe essere revocato a Pantani, vista anche l’impossibilità di effettuare controanalisi e l’assenza delle condizioni di garanzia e difesa degli accusati. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tour de France, fatti e fughe – Se la maglia gialla guadagna 250 euro a chilometro

prev
Articolo Successivo

Marco Pantani, il ragazzo ammazzato due volte

next