Sul mercato la domanda è quale sarà la prossima preda. Mentre il “governo del fare” di Enrico Letta prende tempo nel decidere come aiutare le imprese, i marchi italiani del lusso, un settore con margini attorno al 20%, sono sempre più terreno di conquista dei due giganti francesi Lvmh e Kering (ex Ppr), rispettivamente numero uno e due mondiali del settore. Dopo la miliardaria acquisizione della gioielleria di Bulgari e la più modesta, ma significativa per il valore del marchio, della pasticceria Cova della strada più chic di Milano, via Montenapoleone, il miliardario Bernard Arnault, uomo più ricco di Francia e proprietario di Lvmh, ha conquistato per 2 miliardi anche la maggioranza di Loro Piana, prima azienda trasformatrice di cashmere del mondo.

Per Lvmh, che ha appena strappato le pasticceria Cova dalle mani di Prada, è l’ennesimo successo italiano: oltre a Bulgari e Cova, fanno infatti già parte del gruppo i marchi Fendi, Olga Berluti, Emilio Pucci. Piccoli gioielli di un sistema tessile-moda Italia che nonostante la crisi riesce ancora complessivamente ad avere un business da 51 miliardi con 423mila addetti, ma che soffre sempre di più i legacci della burocrazia nostrana, la difficoltà di accesso al credito e la pesante imposizione fiscale.

Nella conquista d’Italia, dove Arnault ha inviato Michael Burke, uno dei suoi manager più fidati, oggi alla guida di Bulgari, Lvmh non è sola. Perché anche Ppr, oggi sotto il nuovo nome di Kering, segue da vicino le mosse del diretto concorrente. L’ultima acquisizione, in ordine temporale, è stata quella del marchio di gioielleria Pomellato, un’operazione consolatoria rispetto alla sconfitta incassata nella corsa per Bulgari, che pure faceva gola alla società guidata da François-Henri Pinault. Prima ancora era toccato agli abiti di James Bond firmati Brioni e anni fa alla celebre maison toscana Gucci, attorno alla quale Kering ha costruito il proprio impero del lusso mantenendo sempre un occhio a ciò che accade nel nostro Paese, e Sergio Rossi. Anche perché passaggi generazionali e riassetti industriali sono opportunità da non lasciarsi sfuggire per chi voglia investire nel lusso. E in Italia ci sono ancora tante belle aziende. Le più brillanti di tutte portano i nomi degli stessi stilisti che le hanno create: da Roberto Cavalli a Dolce & Gabbana per arrivare a Giorgio Armani. Proprio quest’ultimo da anni è al centro di indiscrezioni per una successione le cui potenzialità non sfuggono a Parigi. Anche perché nei consigli di amministrazione di Lvmh e di Ppr ci siedono nomi italiani illustri che conoscono bene il valore dei nostri marchi: a partire da Diego Della Valle, imprenditore in lotta con la Fiat per il controllo di Rcs e consigliere del gruppo Lvmh, accanto a Francesco Trapani, ex ad di Bulgari, per arrivare fino a Luca Cordero di Montezemolo che invece siede nel cda di Kering.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lvmh continua lo shopping in Italia, anche Loro Piana parlerà francese

next
Articolo Successivo

Equitalia si arena sulla giustizia: dal 2009 pochi utili e tante spese

next