“L’Italia ha il record dell’utilizzo del corpo delle donne in pubblicità e sui media, insieme alla Grecia”. Lo dice, citando dati Censis, la regista Lorella Zanardo, autrice del documentario “Il corpo delle donne“. Secondo Zanardo, non è questa la causa della violenza sulle donne, nelle sue tante forme, ma certamente ne è una delle cause: “I media veicolano l’immagine della donna come cosa, e concorrono alla sua deumanizzazione”, afferma la regista. “La pubblicità con la ragazza a quattro zampe e lo slogan ‘Montami a costo zero‘, per promuovere pannelli solari, è un esempio di come si incentiva l’idea di donna come oggetto da usare”. Si può reagire? Sì, con “la cittadinanza attiva“, risponde Zanardo. Grazie a mobilitazioni e polemiche, molte delle pubblicità più sessiste sono state ritirate. di Piero Ricca

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profughi: i poveri del mondo ci sono caduti in braccio

next
Articolo Successivo

Sanità, Fibrosi polmonare: malattia rara, ma non esente da ticket

next