Sul numero del Fatto di domani troverete tra i vari temi: la riforma della giustizia non doveva essere una delle priorità del governo Letta. Ma dopo la condanna di Silvio Berlusconi al processo Ruby per il Pdl lo è diventata. Un fedelissimo di Previti, Donato Bruno (Pdl), che afferma: “Bisogna intervenire sulla magistratura con una riforma costituzionale”. Tutto questo nel giorno in cui nella Terza sezione civile della Cassazione si è tenuta l’udienza sulla guerra di Segrate. il sostituto procuratore generale della Cassazione nell: “Il percorso seguito dalla Corte di Appello di Milano sul Lodo Mondadori è logico e regge”. I giudici decideranno entro la fine di agosto sui 564,2 milioni di euro che la Fininvest ha già pagato al gruppo De Benedetti, anche se il Pg ha chiesto una riduzione del risarcimento. Poi l’intervista a Walter Verini del Pd che al nostro giornale, dopo le polemiche sollevate dalla deputata Marianna Madia, dichiara: “C’è una questione morale da aprire nel Partito democratico”. Inoltre il ricordo della scomparsa dell’ex calciatore, Stefano Borgonovo. Ci vediamo ‘In edicola’: ogni sera le anticipazioni su ilfattoquotidiano.it (riprese e montaggio Samuele Orini e Paolo Dimalio).
Tutte le offerte di abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl diffamazione, no alla galera per i giornalisti e regolamentazione per la Rete

prev
Articolo Successivo

Siae, la risposta del direttore Blandini: ‘più obiettivi e trasparenti’

next