“Abbiamo già detto e confermeremo che le sentenze della magistratura si rispettano e si applicano, e questo naturalmente vale per tutti, perché è giusto che la legge sia uguale per tutti”. Il segretario del Partito democratico Guglielmo Epifani, in Sicilia per far visita al neo sindaco di Catania Enzo Bianco e per sostenere i candidati del centrosinistra ai ballottaggi in vista del weekend, si sofferma sulla decisione della Consulta che ha rigettato la richiesta di legittimo impedimento nei confronti di B. Per l’ex segretario della Cgil chiamato a guidare il Pd fino al prossimo congresso, l’alleanza con il Pdl non sarebbe a rischio anche nell’eventualità di una condanna definitiva del Cavaliere: “Questo è un governo che abbiamo chiamato un po’ tutti al servizio del Paese, perché il Paese sta vivendo la più grande crisi di tutta la sua storia, ora che si possa far cadere il Governo in ragione a vicende che attengono alla ragione giudiziaria”. Su Matteo Renzi e la sua presunta contrapposizione nei confronti di Letta, Epifani minimizza: “Lui è una risorsa per il Pd e per il paese, lui stesso ha sempre detto che non intende far nulla contro Letta e il suo governo” di Saul Caia e Dario De Luca

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Letta, prima fiducia su decreto emergenze. M5S: “Contro nostre proposte”

prev
Articolo Successivo

Iva 2013, Santanchè: “Se tra 11 giorni sarà aumentata non ci sarà più il governo”

next