In politica va (quasi) tutto bene, dice Silvio Berlusconi, evidentemente soddisfatto di come sta lavorando il governo che lo ha salvato dall’irrilevanza. Intanto però si avvicinano i dieci giorni che potrebbero sconvolgere il mondo: almeno quello berlusconiano. Salvarlo o affondarlo. Dopo la bocciatura di ieri della Consulta sul legittimo impedimento del Cavaliere a partecipare all’udienza del processo Mediaset, il 24 giugno è prevista la sentenza per il caso Ruby, per il quale l’accusa ha chiesto una condanna a sei anni; il 27 giugno entra in scena la Corte di cassazione, che deciderà in maniera definitiva se Berlusconi deve pagare a Carlo De Benedetti i 560 milioni di euro che gli sono stati imposti come risarcimento per avergli strappato la Mondadori grazie a una sentenza comprata. Poi a luglio arriverà anche la sentenza su Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti, accusati, in un processo parallelo a quello chiamato Ruby1, di induzione e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile. Di tutto questo Lorenzo Galeazzi (ilfattoquotidiano.it) ne parlerà con Antonella Mascali (Il Fatto) ed Ettore Colombo, firma de Il Messaggero e de Il Mattino, in diretta streaming oggi alle ore 11,00. Potete interagire inviando commenti e domande attraverso i social network de Il Fatto. Per Twitter gli hashtag sono: #FattoTv #Berlusconi #rischiatutto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Partiti, sondaggio Ipr: crollo dei 5 Stelle. Centrosinistra e centrodestra pari

prev
Articolo Successivo

M5S, dopo l’espulsione della Gambaro Grillo offre tregua a dissidenti

next