Per la maggioranza degli americani, meglio compromettere la privacy che mettere a repentaglio la sicurezza del Paese. Secondo un sondaggio di Washington postPew Research Center il 56% del campione dei cittadini Usa ritiene “accettabile” il controllo dei tabulati telefonici, contro il 41% che lo considera “inaccettabile”. In sostanza, l’amministrazione di Washington deve dare priorità assoluta a fermare il terrorismo. Un’indagine che arriva a pochi giorni dallo scandalo del vasto programma di controllo dei tabulati telefonici, le transazioni tramite carte di credito e le comunicazioni via Internet, condotto negli Stati Uniti dai servizi della National Security Agency (Nsa).

Inoltre il 62% considera che fermare i terroristi è prioritario rispetto alla privacy, mentre solo il 34% sostiene il contrario. Infine il 45% pensa che il governo dovrebbe poter controllare l’attività online di chiunque, mentre il 52% è contrario. Il sondaggio segnala una crescita del sostegno del pubblico alla sorveglianza delle comunicazioni (nel 2006 i favorevoli erano il 51% e i contrari il 47%), specialmente fra gli elettori democratici. Ben il 69% dei democratici ritiene che la lotta al terrorismo sia prioritaria sulla privacy, con una crescita di 18% rispetto al 2006 quando al governo c’era George Bush. Al contrario fra i repubblicani i sostenitori della prevalenza della privacy sono saliti del 22%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

YoKo Ono a Venezia: il potere delle parole e dell’immaginazione

prev
Articolo Successivo

Festa del Fatto Quotidiano 2013: Che musica Don Gallo (al Fuori Orario)

next