Panico all’aeroporto di Atlanta, in Georgia, negli Stati Uniti. Un’esplosione, avvenuta in un hangar per la manutenzione, ha causato l’evacuazione di uno dei terminal, dove al momento manca la corrente elettrica. Secondo quanto riferito dalla portavoce dell’Hartsfield-Jackson International Airport, si tratterebbe di una piccola esplosione, che non ha provocato né incendio né fumo, provocata alle 8.40 ora locale da un guasto elettrico nei pressi del gate D21. Esclusa quindi l’ipotesi di un attacco terroristico.

Nel frattempo, secondo la stampa locale, ci sarebbero almeno altri due allarmi bomba sempre ad Atlanta, nell’area del Parlamento dello Stato della Georgia, che è stata evacuata. La polizia sta chiedendo alle persone che si trovano in prossimità dell’area di non usare radio o telefoni cellulari. Gli edifìci che ad Atlanta ospitano gli uffici della Giustizia e quelli del servizio sanitario dello stato della Georgia sono stati fatti evacuare dalla polizia. L’edificio della Giustizia si trova di fronte a quello del Parlamento locale, su Capitol Square. Sia quest’ultima che la vicina Trinity Avenue, secondo quanto riferisce la Cbs di Atlanta, sono state chiuse al traffico.

L’episodio ha creato grande allarme anche perché arriva dopo l’evacuazione dell’aeroporto di Richmond, in Virginia, e l’atterraggio di emergenza a Phoenix, in Arizona, di un aereo della Southwest partito da Los Angeles, in California, in seguito ad un allarme bomba.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, le ferite aperte del lavoro schiavile

next
Articolo Successivo

Nsa, Snowden a rischio estradizione. Potrebbe chiedere asilo a Russia o Islanda

next