“Il presidenzialismo esiste in paesi civili e democratici”. Esatto!
“Il presidenzialismo non è l’anticamera del fascismo”. Giusto!
“Il semi presidenzialismo c’è anche in Francia”. Come negarlo?

Peccato che quei testi siano nati in altri contesti. Allora proviamo a porre noi alcune domande ai vecchi e, soprattutto, ai nuovi adoratori dell’idolo presidenzialista. Conoscete un paese, che voglia definirsi democratico, nel quale ministri in carica e componenti della maggioranza, marciano contro i tribunali? In quale paese si è fatto un accordo per cambiare la Costituzione con chi è in attesa di giudizio ed è accusato persino di aver usato gli apparati dello stato per colpire i suoi avversari?

Come si può ipotizzare di introdurre forma alcuna di presidenzialismo senza aver prima risolto il nodo del conflitto di interessi e del rafforzamento della autonomia della Corte Costituzionale, del consiglio superiore della magistratura e dei singoli magistrati? Qualsiasi sia e sarà il testo, il contesto resterà inquinato, in modo irreversibile. Prima di ipotizzare qualsiasi stravolgimento della Costituzione si porti in votazione una seria legge sul conflitto di interessi e si cerchi la convergenza tra Pd, Sel e 5 stelle.

Se così non sarà l’Italia potrebbe conoscere una variante ulteriormente peggiorativa del modello presidenzialista: quello a reti unificate, a controlli dimezzati. Dal semi presidenzialismo alla semidemocrazia!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinque Stelle, “Furnari e Labriola vogliono uscire dal gruppo della Camera”

next
Articolo Successivo

Copasir, Vigilanza Rai, Immunità: i giochi sono fatti. Decidono tutto Pd e Pdl

next