Fiat Industrial apre anche alla Borsa di Milano. La società dei camion del Lingotto che dopo la fusione con Cnh sarà quotata a Wall Street e che nei giorni scorsi ha chiesto la cittadinanza fiscale britannica, quindi, ha mantenere almeno un piede simbolico in Italia.

L’annuncio arrivato insieme alla data dell’assemblea straordinaria degli azionisti di Fiat Industrial, che è stata convocata per il 9 luglio proprio per l’approvazione della fusione transfrontaliera del gruppo che controlla Iveco  nella nuova società di diritto olandese Fi Cbm Holdings.

Gli azionisti di Fiat Industrial avranno un’azione ordinaria della newco per ogni azione Industrial posseduta, quelli di Cnh 3,828 azioni per ogni azione Cnh. Dopo le assemblee straordinarie convocate a luglio ci sarà per gli azionisti Fiat Industrial la possibilità di esercitare il diritto di recesso per i quindici giorni consecutivi. Come ha ribadito John Ekann all’assemblea di Exor l’operazione dovrebbe essere conclusa entro il primo settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decrescita (I): storia di una parola usata (molto spesso) a sproposito

next
Articolo Successivo

Standard & Poor’s: “Banche, taglio di 44 miliardi di finanziamenti alle imprese”

next