Fiat Industrial apre anche alla Borsa di Milano. La società dei camion del Lingotto che dopo la fusione con Cnh sarà quotata a Wall Street e che nei giorni scorsi ha chiesto la cittadinanza fiscale britannica, quindi, ha mantenere almeno un piede simbolico in Italia.

L’annuncio arrivato insieme alla data dell’assemblea straordinaria degli azionisti di Fiat Industrial, che è stata convocata per il 9 luglio proprio per l’approvazione della fusione transfrontaliera del gruppo che controlla Iveco  nella nuova società di diritto olandese Fi Cbm Holdings.

Gli azionisti di Fiat Industrial avranno un’azione ordinaria della newco per ogni azione Industrial posseduta, quelli di Cnh 3,828 azioni per ogni azione Cnh. Dopo le assemblee straordinarie convocate a luglio ci sarà per gli azionisti Fiat Industrial la possibilità di esercitare il diritto di recesso per i quindici giorni consecutivi. Come ha ribadito John Ekann all’assemblea di Exor l’operazione dovrebbe essere conclusa entro il primo settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decrescita (I): storia di una parola usata (molto spesso) a sproposito

prev
Articolo Successivo

Standard & Poor’s: “Banche, taglio di 44 miliardi di finanziamenti alle imprese”

next