Ecco altri scatti di “èAfrica”, il progetto di Cuamm per raccontare, attraverso il linguaggio di 5 giovani artisti europei, le storie e l’identità di un’Africa troppo spesso dimenticata.

© Kasia Ciechanowska

Mi ritengo fortunata perchè mi è stata assegnata una delle celle nello spazio comune che circonda l’ospedale. La prima settimana ho dormito fuori, per terra. E’ stata Sister Sabina a parlarmi di questo posto. Sono qui da 24 giorni. Non ho altri parenti con me, ma almeno non sono mai sola. 

Kasia Ciechanowska2 © Kasia Ciechanowska Dopo la prima visita all’ospedale di mattina torniamo al campo e iniziamo a cucinare. Ognuna di noi nonne cucina per sè, ma siamo sedute una vicina all’altra. Le nostre celle sono piccole e appartengono a tutti. Kasia Ciechanowska3

© Kasia Ciechanowska Insieme con la nozione di affollamento e di fretta, c’è uno spazio per la presenza di tutti. L’anima africana è naturalmente centrata sul sè, ma è sempre grata per la compagnia di altri

Kasia Ciechanowska4

© Kasia Ciechanowska Ci svegliamo con il sorgere del sole e ci addormentiamo con il tramonto, circondati dalle speranze per le benedizioni di domani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, spara 10 colpi contro autobus e uccide ragazza di 14 anni

next
Articolo Successivo

Videla, il male quotidiano della dittatura argentina: “La violenza diventò estrema”

next