Quando si chiama inciucio qualunque tipo di accordo, allora tanto vale non entrarci proprio in politica”. E’ la critica che il cantautore Gino Paoli, ospite di “Un giorno da pecora”, su Radio Due, muove al suo amico Beppe Grillo circa il suo niet ad un’intesa col Pd. “Penso” – continua – “che non si può entrare in politica con idee assolutamente depositarie della verità e non discutibili”. E spiega: “La possibilità di un accordo tra il Movimento 5 Stelle e il Pd sicuramente c’era, ma io non mi metto a discutere con Grillo perché non mi metto a discutere con i depositari della verità”. Paoli sottolinea che quello attuale è l’unico governo possibile e che Grillo segue uno schema ben preciso: “Ma non è assolutamente disposto a cambiare questo schema. Questo è il grosso guaio. Sostiene che ha uno statuto che gli impedisce di fare accordi. Io” – prosegue – “Don Gallo, la moglie di Crozza e tante persone abbiamo cercato di convincerlo a salvare almeno il salvabile”. Totale, invece, è l’apprezzamento accreditato dal cantante a Pierluigi Bersani: “Lo stimo moltissimo, è una brava persona, un uomo perbene e corretto. Lui dice la verità anche quando non dovrebbe dirla. Le persone oneste non sono fatte per fare la politica di oggi. Ci vogliono le persone di spettacolo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, Montaruli (FdI) alza il dito medio agli studenti che protestano contro i tagli

prev
Articolo Successivo

Pd-Pdl, Gomez: “In politica non ci si deve mescolare, altrimenti è consociativismo”

next