Dopo la Curia bolognese, le associazioni cattoliche, Pdl e Pd, compreso il sindaco Merola, contro il referendum comunale sui finanziamenti alle scuole materne private del 26 maggio a Bologna, interviene anche il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, aprendo a Roma il laboratorio nazionale dal titolo La Chiesa per la scuola.

Il capo dei vescovi italiani espone perentorio la sua posizione a tre settimane dal voto: “Il 26 maggio i cittadini di Bologna saranno chiamati a esprimersi sull’opportunità di eliminare le convenzioni comunali con le scuole paritarie di ogni ordine e grado- ricorda – I promotori della consultazione si appellano, come sovente accade, all’articolo 33 della Costituzione, secondo il quale il diritto di istituire scuole e istituti di educazione da parte di enti e privati deve avvenire ‘senza oneri per lo Stato”.

Ma a questa presa di posizione,  spiega il cardinale, “si deve replicare, come stanno facendo importanti esponenti e associazioni, che nel caso delle scuole paritarie non si tratta di un onere nei confronti dello Stato in quanto, sebbene esso contribuisca economicamente al loro sostentamento, è ben di più quanto esse fanno risparmiare alla collettività rispetto a quanto ricevono da essa”. Infine, in un altro passaggio Bagnasco aggiunge: “Non si tratta dunque in alcun modo di un onere, e per questo risulta pretestuoso il riferimento all’articolo in questione”.

A stretto giro di Facebook interviene il Comitato Articolo 33 che prima ironizza sulla lunga lista di chi invita a votare B il 26 maggio (“Allora…facciamo la lista: Pd, Pdl, Lega, Udc, Comunione e Liberazione, Cisl, cooperative, Cei, Curia bolognese… manca qualcuno?”) poi invita direttamente i cittadini bolognesi ad “Indignarsi!”. Due le possibilità – scrivono – “indignarsi e voltare la faccia” oppure “indignarsi e metterci la faccia. Siamo tanti ma dovremo essere di più per vincere il 26 maggio”, chiosa il comitato per la scelta A.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival della Fotografia Europea, inaugurano Morgan e Paolo Benvegnù (foto)

next
Articolo Successivo

Villa Giuseppe Verdi, gli eredi litigano. La storica dimora rischia la svendita a privati

next