“Ho visto un uomo alto, in abito grigio, che da cinque metri di distanza sparava in direzione di un carabiniere”. Inizia così la testimonianza di un cameraman che era presente al momento della sparatoria delle 11:40 a piazza Colonna, davanti a Palazzo Chigi. “Per lavoro sono stato anche in zone di guerra”, racconta l’operatore, “ma questo m’ha messo molta più paura. Dopo i primi spari pensavo venisse verso di me, sono scappato”. L’attentatore avrebbe esploso ben sette colpi, riferisce il cameraman, che dopo essersi messo in salvo torna nella piazza e si accorge dei due uomini in divisa a terra feriti. Secondo quanto riferito da altri presenti, l’uomo che ha sparato ai carabinieri si sarebbe immediatamente consegnato alle forze dell’ordine  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sparatoria Palazzo Chigi, il fratello di Preiti: “Luigi non è uno squilibrato”

next
Articolo Successivo

Sparatoria, Alemanno: “Basta inveire contro i palazzi”. M5S: “Il dissenso non è violenza”

next