Chi è il grande elettore che, nella solenne votazione per il nuovo presidente della Repubblica, ha indicato sulla scheda il nome del conte Raffaello Mascetti detto Lello, leggendario protagonista del ciclo di film “Amici miei“? 

L’identikit del conte Mascetti – un simpatico puttaniere e truffatore sempre in vena di scherzi – fa pensare immediatamente che il colpevole sia un simpatizzante di Silvio Berlusconi. Ma il nobile decaduto magistralmente interpretato da Ugo Tognazzi è un personaggio più complesso del Cavaliere di Arcore. E’ fiorentino doc e, soprattutto, fa parte dell’immaginario dei 40-50enni, dato che il primo “Amici miei” è uscito nel 1975 – regista Mario Monicelli – e negli anni successivi è stato riproposto infinite volte in tv, insieme agli altri due episodi della serie. Indizi, questi, che portano dritti a un parlamentare di Matteo Renzi.

Il conte Mascetti, però, è soprattutto l’indimenticato inventore della “supercazzola prematurata con scappellamento a destra“, un insensato torrente di parole utilissimo per confondere l’interlocutore, quando non si sa più che cosa dire per tirarsi fuori da una situazione imbarazzante. Il che fa pensare un grande elettore del Pd con un passato nell’ufficio stampa del partito. 

Avendo sperperato tutto il patrimonio di famiglia, compreso quello della moglie, Lello Mascetti vive a scrocco in casa d’altri o in alberghi di cui non paga mai il conto (il cosiddetto “rigatino”). E se deve muoversi, anche per ragioni inconfessabili, qualcuno disposto a fargli da autista lo trova sempre. E qui la platea dei grandi elettori sospetti si allarga a dismisura. 

di Mario Portanova

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, una sinistra insulsa e menefreghista

next
Articolo Successivo

Elezione Presidente della Repubblica – Anna Finocchiaro e Maria Antonietta

next