“Non so cosa faranno i miei” ma “votare Franco Marini oggi significa fare un dispetto al Paese, non a Matteo Renzi“. E “chi non vuole non lo voti”. Il sindaco di Firenze, ospite delle Invasioni barbariche su La7, alla vigilia della votazione per il prossimo Capo dello Stato prende le distanze dalla scelta del Pd di Bersani di proporre l’ex presidente del Senato al Colle. Per il rottamatore, Marini era “il candidato del secolo scorso” ed è “stato bocciato un mese fa alle elezioni”, una regione “che era considerata sicura”, cioè in Abruzzo. Quindi, chiede, “gli facciamo fare un percorso di ripescaggio?”. Stefano Rodotà, candidato del movimento 5 Stelle dopo il passo indietro di Milena Gabanelli e Gino Strada, “sarebbe meglio” anche se, specifica, “ce ne sono tanti meglio di Marini anche nel centrodestra. Lo dico conoscendolo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crimi, “M5s al lavoro e lui in tv. Fuori Mastrangeli”

prev
Articolo Successivo

Quirinale 2013, Renzi: “Votare Marini vuol dire fare un dispetto al Paese”

next