Entrò in un cinema e con il volto del Joker fece una strage. L’accusa chiede la pena di morte per James Holmes, accusato del massacro di Aurora (Colorado) durante la prima del nuovo film di Batman. La Procura ha spiegato di aver rifiutato l’offerta di Holmes di dichiararsi colpevole se gli fosse stato assicurato il carcere a vita. Il giovane, travestito come uno dei nemici del supereroe, è accusato di aver ucciso 12 persone e di averne ferite 70 il 20 luglio scorso. I suoi legali cercheranno – riporta la stampa americana – di dimostrare che Holmes, al momento della sparatoria, non era sano di mente. Per l’accusa “l’unica conclusione da raggiungere” alla luce dell’offerta di colpevolezza fatta pubblicamente e che Holmes “sa di essere colpevole, la sua difesa sa che è colpevole e ambedue sanno che non è un criminale pazzo”. 

La sparatoria “tragica ed atroce”  aveva “scioccato e rattristato” il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e la moglie Michelle. Holmes, 24 anni compiuti lo scorso dicembre, studente in medicina ritirato da pochi mesi, incensurato, in passato era stato segnalato solo per una multa. Era arrivato sul posto con la sua auto, che aveva lasciato nel parcheggio del cinema e aveva agito da solo. Molti degli spettatori avevano creduto che fossero effetti speciali: “Abbiamo sentito degli spari e un’esplosione, ma credevamo fosse il film, quando abbiamo visto che molte persone si alzavano e scappavano ci siamo alzati anche noi” aveva poi raccontato un sopravvissuto. Dopo essere stato fermato dalla polizia Holmes aveva detto di avere dell’esplosivo custodito a casa, a circa 5 miglia dal cinema. In effetti durante la perquisizione furono ritrovati numerosi ordigni esplosivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

India, sì all’anti cancro low cost. Novartis perde il ricorso sul brevetto

prev
Articolo Successivo

Maduro, l’endorsement di Lula: “E’ il successore che Chavez sognava”

next