Sepolti sotto una frana. Sono 83 i lavoratori che sono rimasti bloccati a causa di una grossa frana in una zona mineraria del Tibet. Si tratta di operai che lavorano per il gruppo minerario China national gold group Corporation secondo quanto riferito dall’agenzia Nuova China. L’incidente è avvenuto intorno alle sei della mattina nella contea di Maizhokunggar di Lhasa, la capitale.

Il governo regionale riferisce che la frana ha interessato un’area lunga tre chilometri, con lo smottamento di 2 milioni di metri cubici di fango, terra e detriti. Oltre mille soccorritori, tra i quali agenti della polizia, vigili del fuoco e personale medico, stanno lavorando nella zona che si trova a oltre 4mila metri di altitudine. Impiegati centinaia di mezzi, tra cui 15 cani addestrati alle operazioni di soccorso e 15 macchine preposte a riscontrare segnali di vita sotto le macerie.

Il presidente cinese Xi Jinping e il premier Li Keqiang hanno ordinato alle autorità locali e nazionali di effettuare tutti gli sforzi per recuperare i lavoratori sepolti dalla frana in Tibet e hanno chiesto anche di indagare le cause della frana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mandela, migliorano le condizioni: “Ha il morale alto e ha fatto colazione”

prev
Articolo Successivo

Cina, ora la corruzione viene svelata con smartphone e microblog

next