Quanti siano a votare non è dato saperlo, ma le percentuali ci sono. Per quasi un terzo dei lettori del sito di Libero, Silvio Berlusconi con gli occhiali da sole post uveite sembra “un falso invalido“. Il bizzarro sondaggio proposto dal quotidiano diretto da Maurizio Belpietro invita gli utenti a scegliere tra varie opzioni di “somiglianza” del Cavaliere. Quella del disabile col trucco raggiunge il 30% dei consensi ed è seguita da “Danny DeVito” (17%), “un giocatore di poker” (12%), “l’ultimo Gheddafi” (10%), “un pilota in congedo” (9%), “Rambo” (8%), “John Belushi” (6%), “Ray Charles” (4%), “Antonello Venditti” (2%) e “Adriano Celentano” (1%). Opzioni che nei giorni scorsi erano state avallate anche in rete, dove erano comparsi decine di fotomontaggi dell’ex premier mentre interpretava una delle opzioni del “contest” di Libero.

Ma i sondaggi non finiscono qui. Nell’apposita sezione sul sito, ne compaiono altri di stretta attualità. In uno di questi la domanda è: “Chi vorreste mandare in India al posto dei marò?“. In testa alle preferenze dei lettori c’è Mario Monti (32%), seguito da Pierluigi Bersani (18%) e Beppe Grillo ed Elsa Fornero a pari merito (10%). In coda ci sono invece Giorgio Napolitano, Giuliano Amato, Massimo D’Alema e Giulio Terzi, con percentuali comprese tra il 6 e il 9. Poi spunta anche il test che riguarda Lucia Annunziata e il provvedimento che la Rai dovrebbe adottare nei suoi confronti – anticipato dall’occhiello “Faziosa Lucia” – perché nel corso della sua trasmissione In mezz’ora, aveva detto ad Angelino Alfano che i suoi compagni di partito erano “impresentabili”. Il 58% dei lettori vorrebbe che le fosse tolto il programma, il 20% vorrebbe “metterla a lavorare sotto Minzolini“, ma anche “mandarla sull’Isola dei Famosi” (8%) e “sculacciarla” (6%).

Sull’edizione online di Libero, però, la passione per i sondaggi non si limita alle notizie clou del giorno. All’interno di ogni pezzo infatti, che riguardi “Laura Boldrini, la donna ‘imposta’ da Vendola” o “Ascolti-choc: Don Matteo ha fatto meglio di ‘Papa Vespa’”, viene chiesto conto ai lettori del loro stato d’animo. Le opzioni, sempre e comunque per tutti i pezzi, sono 4: triste, stupito, allegro, arrabbiato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Conflitto di interessi e non solo

prev
Articolo Successivo

In difesa del giornalista Oscar Giannino

next