Coerenza e Responsabilità. In queste due parole chiave si riassume l’acceso – e per ora inconciliabile – contrasto di opinioni fra simpatizzanti e attivisti di M5S, Pd e Sel, registrato ieri davanti a Montecitorio nel primo giorno del nuovo Parlamento. La “questione fiducia” divide gli animi e suscita discussioni in tutta Italia. “Non si può tornare alle elezioni, il M5S deve assumersi la responsabilità di votare, con precise garanzie, la fiducia a un governo insieme al Pd per far fronte a una drammatica crisi economica”, dicono gli elettori Pd e Sel. “Non ci fidiamo, non faremo alleanze con chi ha contribuito a rovinare il Paese”, rispondono gli attivisti del movimento fondato da Grillo. Tutti deprecano l’ipotesi di un rapido ritorno alle urne. Più di una voce (di area grillina) reputa certa un’intesa di governo fra Pd e Pdl. C’è poi chi avanza una proposta: e se si facesse un governo di personalità esterne ai partiti, con un programma circoscritto di riforme condivise e un mandato a termine? Su una soluzione di questo tipo – forse – non è detta l’ultima parola di Piero Ricca, riprese e montaggio di Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bersani: “Grasso è garanzia per tutti. Sono fiducioso”

prev
Articolo Successivo

Boldrini: “Camera sia la casa della buona politica”. Il Pdl non applaude

next