Seduta in rosso contenuto per Piazza Affari dopo il declassamento dell’Italia a BBB+ annunciato venerdì sera da Fitch. Dopo un’apertura in calo dell’1%, il Ftse Mib ha perso lo 0,69% a quota 16.091 punti, mantenendosi comunque sopra la soglia psicologica dei 16.00 punti.

In lieve rialzo, invece, lo spread tra il Btp e il Bund tedesco che ha chiuso in lieve rialzo a 312 punti base dai 307 punti di venerdì 8 marzo. Durante la seduta ha toccato un massimo di 320 punti. Il tasso sul titolo del Tesoro è al 4,63 per cento. Poco distante il differenziale della Spagna che si attesta a 324 punti base col rendimento dei Bonos al 4,76 per cento.

A Piazza Affari sono state vendute le azioni delle banche, complice un report di Mediobanca che indica la necessità di 21 miliardi di euro per il sistema creditizio italiano al fine di coprire i cosiddetti crediti dubbi che stanno attirando l’attenzione di Bankitalia. Sul fronte dei cambi, l’euro viaggia a 1,3012 dollari dai 1,298 di venerdì e a 125,09 yen. Il dollaro/yen è pari a 96,14. Il petrolio perde lo 0,65% attestandosi a 91,35 dollari al barile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Impregilo, via libera all’Opa di Salini. Maxidividendo da 600 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Istat, Pil in calo dell’1% nel 2013. L’anno scorso ha registrato -2,4%

next