Né da Monti, né in aula al processo Ruby. Il Cavaliere si smarca da tutti gli appuntamenti di venerdì a causa di problemi a un occhio nei giorni scorsi lo hanno costretto anche ad annullare interviste televisive. Dopo aver presentato questa mattina un’istanza di legittimo impedimento per l’incontro con il premier uscente, nella cancelleria in pomeriggio del Tribunale è stato depositato un certificato medico.

Questa mattina i legali di Silvio Berlusconi avevano presentato una richiesta di rinvio dell’udienza – in cui è prevista la conclusione della requisitoria e la richiesta di pena – perché il leader del Pdl era stato invitato a Palazzo Chigi dal premier uscente per discutere della linea politica in vista del prossimo vertice europeo (invito esteso anche a Beppe Grillo e Pierluigi Bersani). Inoltre, sostenevano i difensori che l’ex premier fosse impegnato nella prima riunione dell’ufficio di presidenza del Pdl dopo il voto. L’udienza in calendario prevede la fine della requisitoria da parte del procuratore aggiunto Ilda Boccassini, e dunque le richieste di condanna per il Cavaliere, accusato di prostituzione minorile e concussione. Saranno i giudici della quarta sezione penale a decidere, nell’udienza di venerdì, se ritenere legittimo l’impedimento. Nel pomeriggio poi è stato depositato il certificato in cui si parla di grave disturbo alla vista e che quindi si chiede il legittimo impedimento. L’ex premier poi, secondo quanto ha riferito l’avvocato Longo, ha depositato una ‘integrazione’ alla richiesta di legittimo impedimento che riguarda suoi problemi di salute. L’ex premier dunque sarà costretto a saltare, come ha chiarito l’avvocato Longo, anche l’incontro con il premier Monti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto Balduzzi, a chi fa bene?

prev
Articolo Successivo

Intercettazione Fassino-Consorte: Silvio Berlusconi condannato a un anno

next