Australia, isola felice del mondo occidentale. Eccezione positiva tra i Paesi sviluppati, a economia matura e tutti, più o meno, in difficoltà. La conferma arriva dagli ultimi dati positivi sul Pil (Prodotto interno lordo) del Paese oceanico. E che portano a 21 anni consecutivi la crescita ininterrotta della ricchezza nazionale: un vero record mondiale. Intanto proprio dall’Australia, per motivi di promozione turistica, ma tanto per ribadire il mito del Bengodi, parte la proposta di sei posti di lavoro a tempo determinato da sogno, offerti a stranieri. Del tipo, fotografo di lifestyle o degustatore di prelibati cibi e vini locali. Altro che depressiva crisi europea…

Ma ritorniamo ai dati, nudi e crudi. Nell’ultimo trimestre 2012 il Pil è aumentato dello 0,6% rispetto al periodo luglio-settembre e del 3,1% su base annua. L’ultimo trimestre con il segno negativo (e solo quello, non due trimestri successivi, che tecnicamente significano recessione) risale al lontano ottobre-dicembre 1991. Quindi, il 2012 è stato 21esimo anno consecutivo di crescita. L’Australia ha ormai scalzato la Spagna e conquistato il dodicesimo posto fra gli Stati più ricchi del mondo (con la differenza, però, che il Paese iberico conta oltre 46 milioni di abitanti e quello oceanico appena 23,6).

L’anno fiscale, in realtà, in Australia va dalla metà di un anno solare all’altro. Ebbene, quello 2012-2013, che si concluderà a fine giugno, dovrebbe essere archiviato con un balzo in avanti del 3% del Prodotto interno lordo. Intanto l’Italia viaggia in profonda recessione, al pari di altri “colleghi” europei o accanto a Stati come la Francia che solo per un soffio l’hanno evitata. Fra i Paesi a economia matura le migliori perfomances, almeno per il 2012, sono quelle degli Usa (+1,6%) e del Canada (+1,1%). Ma niente a che vedere con l’Australia, che, caso unico, è riuscita a preservarsi dalla recessione perfino nel 2008, l’anno della terribile crisi finanziaria, all’origine della debacle.

Ma perché l’Australia continua a correre? Grazie all’export di risorse naturali come il carbone e i minerali di ferro (l’export in generale è cresciuto del 3,3% nell’ultimo trimestre 2012), assorbito soprattutto dalla Cina, primo partner commerciale di Canberra. Nonostante un rallentamento, infatti, anche la potenza asiatica continua a crescere. L’aumento dell’export riesce a compensare in Australia la flessione (che c’è stata) dei consumi interni, nonostante un tasso di sconto ai minimi storici (del 3%), mantenuto così basso dalla Banca centrale proprio per salvaguardare la crescita. E’ un contesto che, a dire il vero, provoca pure qualche timore. Alcuni esperti affermano che, però, la corsa del comparto minerario dovrebbe fermarsi quest’anno. E anche il ministro australiano delle Finanze, Wayne Swan, ha messo le mani avanti: “La nostra economia resiste – ha dichiarato – ma sappiamo che certi settori sono setto pressione e la transizione di volani come il settore minerario verso una stabilizzazione potrebbe avvenire non senza strappi”. Sta di fatto che l’inflazione resta sotto controllo, deficit e debito pubblico si trovano a livelli invidiabili rispetto agli altri Paesi occidentali (Germania compresa). E la disoccupazione è salita a gennaio, ma solo al 5,4%.

Nel frattempo, tanto per accrescere ulteriormente l’appeal dell’Australia, stavolta presso i giovani, il ministero del Turismo australiano ha stanziato 3,2 milioni di euro per finanziare sei contratti a durata determinata di sei mesi, offerti a stranieri fra i 18 e i 30 anni: stipendio da 78mila euro e impieghi da sogno. Come il guardiano della fauna locale, canguri compresi, nel Sud del Paese, o il fotografo lifestyle a Melbourne. L’iniziativa Tourism Australia riprende su scala nazionale una campagna che era stata lanciata nel 2009. E che proponeva un posto di guardiano della riserva naturale di Hamilton Island. Si erano presentati 35mila giovani di 200 Paesi diversi…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La quiete prima della tempesta. L’Italia appesa al filo della Bce

prev
Articolo Successivo

Crac Ligresti, Unicredit dovrà sudare i soldi prestati a Imco e Sinergia

next