Gli aiuti a Monte dei Paschi di Siena pesano sui conti del Tesoro. Il fabbisogno del settore statale è salito nel mese di febbraio a 12,5 miliardi di euro, dai 7,8 miliardi dello stesso periodo del 2012. L’aumento, come spiega una nota del Tesoro, è legato al “venir meno dell’incasso di oltre 4 miliardi realizzato nel 2012 per il riversamento degli enti sottoposti al regime della tesoreria unica” e all’effetto da circa 2 miliardi relativo alla sottoscrizione dei Monti bond per la banca senese.

Monte dei Paschi ha fatto sapere nei giorni scorsi di avere completato l’emissione dei Monti bond per un importo complessivo di 4,07 miliardi, specificando che “1,9 miliardi sono destinati all’integrale sostituzione dei cosiddetti Tremonti Bond già emessi dall’istituto senese nel 2009″. E che altri 171 milioni sono invece a titolo di pagamento anticipato degli interessi maturati al 31 dicembre 2012 sui Tremonti Bond, in considerazione del fatto che il risultato d’esercizio 2012 è in perdita.

Il Tesoro, nella nota sul fabbisogno del settore statale, ha spiegato che in termini omogenei, ovvero al netto delle suddette “partite straordinarie“, il fabbisogno del mese, rispetto a quello dello scorso anno, risulta essere migliorato di circa 1,5 miliardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S: la decrescita è sempre e solo infelice

prev
Articolo Successivo

Svizzera, referendum contro gli stipendi milionari dei super manager

next