“Mi ricandido nel Pd, perché il mio è un abuso d’ufficio non patrimoniale. E’ un reato non grave e può capitare a qualsiasi amministratore. E posso dire che non è grave, posso dire quello che voglio“. Sono le parole rilasciate a “La Zanzara”, su Radio 24, da Antonio Papania, senatore del Pd di Alcamo, nonchè membro della lista degli impresentabili denunciata da Franca Rame. “Non sono preoccupato” – continua – “perchè secondo lo statuto del Pd posso tranquillamente candidarmi. Il tribunale di Palermo ha dichiarato che il reato è estinto e quindi sono completamente riabilitato”. Il parlamentare ammette che il patteggiamento a due mesi e venti giorni costituisce una “macchia”, ma giustifica così il tutto: “All’epoca avevo 38 anni e pensavo che dopo il patteggiamento non se ne sarebbe parlato più. Così mi consigliò l’avvocato, ma non lo rifarei e andrei direttamente a giudizio”. E aggiunge: “Io sono garantista e capisco Cosentino, non avendo una condanna. Fa bene a ricandidarsi e a battersi, perchè non ha nessun rinvio a giudizio, non è sotto processo, non ha nulla per cui si dovrebbe tirare indietro“. Non mancano, però, i commenti poco lusinghieri su Franca Rame. “Mi ha dato dell’indegno” – afferma Papania – “ma è un’accusa che rispedisco al mittente. Anche lei è stata paracadutata in Parlamento”. E infine attacca Il Fatto Quotidiano: “Mi danno dell’impresentabile ma bisognerebbe capire chi c’è dietro. Ci sono formazioni politiche che vogliono fare alleanze con il Pd come Ingroia, che è molto amico di Travaglio. Ma tra lui e Berlusconi voterei comunque Ingroia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Bersani non risponde sugli impresentabili e canta l’inno della Nannini

next
Articolo Successivo

Quirinale, la corsa parte dopo il voto. Il Grande gioco da Amato a D’Alema

next