Il governo Monti non ha fatto praticamente nulla per l’edilizia abitativa a condizioni più favorevoli di quelle di mercato. Come l’esecutivo precedente. Esigue le risorse destinate al piano nazionale per la riqualificazione delle aree urbane degradate. Proroga degli sfratti solo per poche famiglie.

di Raffaele Lungarella* (lavoce.info)

Edilizia sociale al palo

Il resoconto del suo anno di attività pubblicato dal Governo, mette in luce la sostanziale continuità con l’inazione del governo Berlusconi nel campo dell’edilizia abitativa a condizioni più abbordabili di quelle di mercato. Sul disimpegno del Governo Monti, molto deve avere influito il proposito del ministro Passera, competente per materia, di chiamarsi fuori dalle politiche per la casa, ritenendole un compito degli enti locali.
La sola iniziativa programmata e avviata è il piano nazionale per le città, finalizzato a riqualificare le aree urbane degradate. Potrebbe produrre anche un’offerta di alloggi sociali, ma le risorse con cui è stato finanziato sono relativamente esigue (240 milioni di euro circa) e sono state stornate da altri programmi destinati all’ediliza abitativa.
Dubbi si possono nutrire anche sugli effetti “sociali” dell’eliminazione del tetto del 40 per cento alla partecipazione del Fondo investimento per l’abitare, della Cassa depositi e prestiti, agli investimenti dei fondi immobiliariari locali. Sull’efficacia di questa decisione qualche perplessità deve averla anche il Governo, visto che non l’ha menzionata nel suo resoconto.

La questione sfratti

La stessa sorte di non essere citata nel documento del Governo è toccata anche alla proroga (al prossimo 31 dicembre ) degli sfratti per finita locazione a favore di famiglie che versano in condizioni di disagio particolarmente gravi, residenti nei comuni capoluogo di provincia e limitrofi (con almeno 10mila abitanti) e in quelli ad alta tensione abitativa. È l’unica misura assunta per fronteggiare un’emergenza che diventa sempre più acuta, ma della quale potrà usufruire un numero esiguo di famiglie.
La “questione delle abitazioni” è sostanzialmente assente anche nell’agenda Monti: è vagamente evocata (“va favorito l’accesso alla casa”) nel capitoletto sulla famiglia in una società che cambia.

Autovalutazione del Governo sulle politiche per la casa

*Raffaele Lungarella, laureato in scienze statistiche ed economiche, è stato docente a contratto di economia applicata nell’università di Modena e Reggio Emilia, dove è stato anche cultore della materia di economia politica. Ha diretto il nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della regione Emilia-Romagna; dello stesso ente è stato responsabile dei servizi politiche abitative e lavori pubblici. È stato anche responsabile del servizio finanziamenti per l’innovazione tecnologica di una società finanziaria. Ora è in pensione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, nel 2012 calano le presenze negli alberghi: – 7 milioni. Persi 3 miliardi

next
Articolo Successivo

Costa Concordia, quel relitto immobile metafora dell’Italia

next