Referendum, Comitato consegna firme in CassazioneStamattina abbiamo presentato le firme per indire i referendum sui diritti dei lavoratori, sull’articolo 8 e 18. Questa presentazione è un atto politico contro l’ennesimo scippo di democrazia perpetrato ai danni del popolo italiano.

Lo scioglimento anticipato delle Camere fatto a fine 2012 – invece che a inizio gennaio 2013 come abbiamo chiesto più volte – infatti rende pressoché impossibile lo svolgimento dei referendum. La questione è molto semplice: la legge prevede che non possano essere presentate le firme per i referendum nell’anno precedente alle elezioni. Quindi nel 2012 non era possibile presentare le firme. La legge prevede anche che non possano essere presentate le firme a camere sciolte. Ecco il giochetto. Sarebbe stato sufficiente che Napolitano sciogliesse le Camere il 3 di gennaio e avremo potuto presentare il 2 gennaio i referendum sui diritti dei lavoratori come quelle per abrogare l’orribile riforma delle pensioni della Fornero.

Al contrario la scelta del Presidente della repubblica di sciogliere le camere a dicembre ha reso carta straccia le firme di un milione di italiani che in questi mesi hanno firmato le proposte di referendum. Ovviamente faremo ricorso agli organi competenti ma è del tutto evidente che il destino dei referendum è già segnato. Scrivo queste righe per denunciare l’ennesimo sequestro di democrazia di cui è vittima il popolo italiano. A novembre del 2011 invece di andare alle urne Napolitano con il consenso di Berlusconi, Bersani e Casini insediò il governo Monti. Adesso si toglie la possibilità agli italiani di votare sui peggiori provvedimenti del governo Monti. E’ sempre più evidente che la demolizione dei diritti sociali è tutt’uno con la distruzione della democrazia sostanziale ed è sempre più evidente che i sostenitori del governo Monti – per quanto si presentino divisi alle elezioni – fanno parte del problema e non della soluzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, tasso disoccupazione giovanile a novembre 37,1%. Record dal ’92

prev
Articolo Successivo

Fiom, l’Assemblea dà il via alla “carta rivendicativa” contro l’accordo separato

next