Bello e affascinante, con il grembiule e il cappello da chef. Arriva a casa tua con la busta della spesa che trabocca di ogni bontà, si impossessa del tuo regno (ma glielo cedi volentieri) e inizia a cucinare. Il sogno di ogni donna: qualsiasi tentativo di negarlo risulterebbe vano. Per metterlo in atto in fondo non ci voleva molto, ma – ci spiace per tutte le altre – ad oggi questa idea semplice e geniale è diventata realtà soltanto a Milano. Il sito si chiama “Lo gnocco in cucina”, giusto per non creare equivoci. Gli chef infatti sono otto bellimbusti, fra i quali si può scegliere quasi come davanti a un book fotografico. L’invitante antipasto sono gli scatti in bianco e nero, ma per non restare con l’acquolina bisogna registrarsi al sito, così da accedere alle schede complete dei cuochi, alle curiosità e alle proposte dei menu.

Per decidere quello che si trasformerà nel principe azzurro dei fornelli di casa vostra per una sera, il sito mette a disposizione la possibilità di incontrare gli chef dal vivo. Le richieste del servizio di “animazione gastronomica” (sic) arrivano soprattutto per feste personalizzate e addii al nubilato. Lo gnocco in cucina punta sull’ironia delle donne milanesi – che una volta tanto smettessero di pensare alla carriera – ma anche sulla qualità dei prodotti made in Italy.

Divertimento garantito, come anche la qualità e la professionalità del servizio, si legge sulla home page del sito. Prima di registrarsi e accedere al magico mondo degli chef belli e possibili, date un’occhiata all’offerta, al punto 1 (il cuoco porterà a domicilio tutto l’occorrente per la cena, a parte quanto non specificato nel menu, e olio, sale e pepe che sono a carico del cliente) e al punto 2 (il cuoco o i cuochi passeranno la serata in compagnia del cliente/clienti conversando con loro). Non vorrete mica correre a comprare sale e pepe all’ultimo minuto e perdervi parte della performance dell’avvenente cuoco ai fornelli. E soprattutto, magari avete voglia di prepararvi spiritualmente all’amabile chiacchierata. Chissà che alla fine non sia la padrona di casa a riuscire a stregare lo chef.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Appunti per la rivolta

next
Articolo Successivo

Mangiare sull’aereo: il cibo più gustoso è quello di Pegasus Airlines

next