In sostanza, nel nostro piccolo paese, l’artigianato sarà una questione micro-comunitaria o non sarà affatto. In fondo è nato per questo. Quando il complesso delle relazioni di un piccolo gruppo supera una certa soglia, quando il gruppo diventa un po’ più “grande”, e si fa più pressante l’esigenza di una… “specializzazione”.

Già… ‘specializzazione’ non è la parola adatta. Dato che, in un contesto come quello che abbiamo descritto, non serve pensare in termini di suddivisione-separazione di attività “complesse” in altre (più) “semplici”. Piuttosto occorrerebbe saper pensare nei termini di un costante perfezionamento di ciò che viene dall’esperienza stessa; quell’esperienza in generale o senz’altro che è – già in – concreto, che sorge in un certo senso dal “completo”; e che sta in ogni parte dell’esperienza condivisa. L’esperienza diretta delle cose e delle persone; che ha senso se è senso comune. Nel momento in cui la micro-società si amplia oltre una certa soglia.

Esperienza pragmatica. Non come attività separata ma per costituire pratiche comuni. Necessarie alla vita di tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Femmine provocanti e gay nemici della pace

next
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, non indurre in tentazione

next